CAFE e FSGC: corso di formazione per commento destinato non vedenti

Stando ai dati diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), quello composto dai disabili è il più grande gruppo di minoranza del pianeta e costituisce oltre il 15% della popolazione globale. Considerando poi che il calcio è altresì lo sport più popolare del mondo, è ragionevole presupporre che un numero considerevole del miliardo di disabili sia tifoso di calcio.

Fondato nel 2009, il Centre for Access to Football in Europe (CAFE) è sorto col supporto di UEFA e l’obiettivo di migliorare l’accessibilità e l’inclusione del mondo del calcio, collaborando con associazioni, leghe e società internazionali, gruppi di tifosi ed ONG al fine di rendere l’esperienza dello stadio più accessibile e godibile per i tifosi disabili di tutta Europa.

Con questa mission è stato avviato anche il progetto che risponde al nome di Audio-descriptive commentary Network, ovvero il commento audio-descrittivo degli incontri di calcio destinato in primis ai tifosi ipovedenti o ciechi, che – dati alla mano – raramente si recano allo stadio o partecipano ad eventi live, in quanto spesso privi di commenti audio. Questa fetta di tifosi, in sostanza, resta esclusa da attività culturali, sociali e sportive che la grande maggioranza della società dà per garantiti, se non addirittura scontati.

Quello che in gergo è definito ADC Network muove dal presupposto che il destinatario del commento è evidentemente diverso rispetto al pubblico televisivo e radiofonico. Comprendendo le differenze che esistono tra i diversi prodotti che radio e TV propongono alle rispettive fasce di ascolto, è facile capire come anche il servizio audio-descrittivo debba svolgersi secondo criteri e specifici e peculiari, correlati alle necessità del suo pubblico che ne potrà usufruire allo stadio.

Altrettanto ovvia è la necessità di una formazione specifica cui gli aspiranti commentatori debbano sottoporsi, ai fini di acquisire le abilità e le nozioni indispensabili per garantire l’esperienza partita ai tifosi ipovedenti o ciechi che desiderino prendere parte ad un incontro allo stadio. A tal proposito – con particolare riferimento agli Europei U-21 di Italia e San Marino 2019 – il CAFE, insieme alla FSGC e con l’indispensabile supporto di UEFA, organizzerà al San Marino Stadium un corso specifico nella serata di mercoledì 12 giugno 2019. Per accedere al training – completamente gratuito ed aperto a tutti – è sufficiente inviare una mail a clublicensing@fsgc.sm. Come anticipato, in caso di conclusione positiva del percorso formativo, sarà possibile entrare a far parte del servizio destinato a Euro U-21 2019.

Elementi che raramente sono sottolineati in fase di telecronaca e difficilmente in radiocronaca – quali il linguaggio del corpo di calciatori ed allenatori, mimica facciale, scenario, azione, abbigliamento e clima ambientale circostante -, risultano particolarmente preziosi al fine della trasmissione di informazioni visive significative. Un servizio che, applicato in maniera diffusa ed efficace, può cambiare la vita di una fetta di tifosi disabili, amanti dello sport più popolare al mondo, assicurandone la completa comprensione del match affinché possano godere appieno dell’esperienza dello stadio proprio come gli altri supporter presenti nell’impianto.

Lanciato all’interno dell’EURO 2012 Respect Inclusion – Football with no Limites Project, il commento audio-descrittivo promosso dal CAFE, grazie al supporto di UEFA, è stato introdotto nelle fasi finali dei principali tornei calcistici continentali quali Euro 2012, Euro 2016, Champions League, Europa League e Supercoppa Europea, ottenendo grande popolarità – specie in occasione dell’ultima rassegna internazionale continentale di Francia, che ha portato alla formazione di 30 volontari tra studenti nel campo media & broadcasting, per una copertura totale del servizio negli stati transalpini -.


FSGC | Ufficio Stampa

 

Le foto ed i progetti grafici reperibili sui canali di informazione e social network della FSGC sono liberamente utilizzabili, riconoscendo i diritti di immagine alla ©FSGC.